Scanner portatile: migliori brand dell’anno a confronto

 Fisso o portatile? Chi si muove spesso per lavoro può aver bisogno di uno scanner che lo segua in ogni angolo di mondo per poter fare il lavoro per cui è stato acquistare: scannerizzare documenti cartacei e trasformarli in file digitali. Se lo scanner da postazione fissa resta in ufficio ad aspettare il ritorno del manager, ci sono delle necessità che non possono attendere, di qui l’utilità di un apparecchio compatto, maneggevole e trasportabile che, quando occorre, scannerizza e invia i dati al pc per usi privati o professionali. Oggi il mercato degli scanner portatili è molto fiorente e si regge su una solida piattaforma di brand consolidati, anche in altri settori dell’hobbistica e degli apparecchi più professionali.

Quali scegliere, fra i migliori scanner in vendita? Nel reparto portatili si contendono il podio i modelli TaoTronics, i Brothers e gli IriScan. I primi si avvalgono di un’alta risoluzione regolabile con scheda di memoria che si spinge fino a 32 Gb e possibilità di visionare l’anteprima della scansione, mentre gli scanner Brother, compatibili con Linux e Mac, vantano un’ottima risoluzione per un portabile, che si attesta su 1200 dpi al quadrato. Agili e veloci gli scanner IriScan, in grado di scannerizzare in pochi secondi volumi considerevoli di documenti cartacei. I portatili TaoTronics, inoltre, sono dotati di display touch e scannerizzano foto, scontrini, anche pagine di libri, sia a colori che in bianco e nero, con un’eccellente risoluzione di stampa, che tocca cime di 1050 dpi, per scendere a livelli più bassi fino a un minimo comunque apprezzabile di 300 dpi se si vogliono scansioni più spedite.

Questi scanner, alimentati a batterie, possono essere ovunque in qualsiasi momento e consentono elaborazioni al volo di brochure, report e altro ovunque ci si trovi. Altrettanto validi i Brother, vincenti anche nel prezzo sotto i 100 euro, portatili da battaglia con una velocità di scansione di circa 8 pagine al minuto e salvataggio dei documenti su pc, stampante, cloud o mail. Più cari (intorno a 150 euro) gli scanner IriScan, ultratecnologici e professionali con possibilità di salvare i file nei formati più svariati, dal comune Word all’inflazionato pdf.